In arrivo DASPO digitale per gli insulti sui social

È quello che sta per arrivare in serie A: il Daspo digitale, nel senso che i club della massima serie, disponibile al sito www.bookmakersaams.io  per le migliori quote, potranno punire i tifosi che esagerano con le offese e i commenti osceni sui propri social, arrivando anche alla decisione di poterli lasciare fuori dagli stadi. Una norma per i più facinorosi che però continua a non mettere pace per i tifosi, costretti sempre a subire conseguenze per ogni atto di singoli elementi. Questa volta però non si tratta più dei soliti noti violenti per cui già in passato sono stati presi provvedimenti, questa volta, come ormai tanti ambienti della quotidianità, il riferimento è ai cosiddetti “leoni da tastiera” in versione tifosi che sono soiti attaccare sia la propria squadra de cuore sia le squadre “nemiche” e tutti i profili pubblici dei calciatori professionisti. A partire dalla stagione 2019 – 2019 della serie A per i cosiddetti “leoni da tastiera” maestri nell’offesa gratuita, potrebbe esserci una vera e propria gogna mediatica, grazie ala possibilità per ogni singolo club italiano di avvalersi di un controllore digitale, un moderatore che monitori commenti sulla pagina ufficiale del club, chiamato Supporter Liason Officer.

Di cosa si tratta

Il Supporter Liason Officer servirà ad evitare e cosiddette “shit storms” quelle spiacevoli sequenze di insulti gratuiti sparati senza ragione e a volto di una gravità disumana. Tanti i provvedimenti che sarà possibile prendere: si parte sì dalla possibilità di un semplice richiamo, ma si potrebbe arrivare, secondo le indiscrezioni riportate stamane dai giornali, finanche alla mancata emissione dei biglietti in vista delle partite casalinghe, quindi ad un vero e proprio Daspo digitale come per i tifosi più violenti. Ora quello che resta da stabilire è identificare come e quando un commento passa a insulto in cui intervenire, un aspetto da regolamentare il prima possibile ma che speriamo limiti un trend davvero triste degli ultimi tempi sia ne calcio, che nella politica che in ogni ambiente di pubblico dominio.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *